martedì 28 aprile 2015

Come creare un account Google anche senza Gmail

Ormai i servizi cloud di Google si stanno diffondendo sempre più, e di certo vi sarà capitato per lavoro o a scuola di dover accedere alla piattaforma di editing collaborativo online Google Drive.

Dopo aver spiegato innumerevoli volte a colleghi, amici e parenti come poter creare un account Google anche senza possedere un indirizzo di posta elettronica Gmail, usandone uno già in possesso, ho deciso di scrivere un semplice quanto banale how-to qui su ilgeekinBlu.

Questa procedura vale anche nel caso abbiate acquistato uno smartphone o un tablet Android, per i quali è necessario un account Google per poter accedere al Play store e installare le applicazioni sui vostri device.

Accedere ai servizi Google

Quando qualcuno condivide con voi ad esempio un documento su Drive mandandovi un invito esplicito via email, vi troverete davanti alla schermata di accesso che vedete sotto. Nel caso possediate già un account Gmail, vi basterà inserirne le credenziali.

Ma nel caso non lo abbiate e non vi andasse di crearne uno appositamente, potrete benissimo creare comunque un account Google usando il vostro attuale indirizzo di posta elettronica. Gmail infatti è solo uno dei TANTI servizi che Big G offre.

Quando sarete nella schermata che vi chiede di accedere al vostro eventuale account Google, cliccate su "Crea un account" (vedi figura qui sotto).


Non è necessario avere Gmail!

Di default Google vi chiederà di creare un account con associato un nuovo indirizzo email di Gmail, ma non è strettamente necessario. Per usarne uno che già possedete con qualunque altro provider (ad esempio @libero.it, @yahoo.it, @alice.it ecc.) vi basterà cliccare su “Preferisco utilizzare il mio indirizzo email corrente” (vedi figura qui sotto).



Alla successiva schermata potrete inserire l’indirizzo email che già possedete (vedi figura sotto) e naturalmente compilare il resto delle informazioni di identificazione.

Attenzione: Google invierà a quell’indirizzo una email per attivare l’account, fino ad allora esso non potrà essere utilizzato.



Semplice no?

giovedì 1 gennaio 2015

E se i #MOOC durassero solo 1 minuto e mezzo?

I MOOC si stanno diffondendo sempre più, purtroppo secondo molti studi e statistiche il 90% degli utenti che si iscrivono ai corsi on-line non li portano a termine. E non c'è affatto da stupirsi. La gran parte di questi corsi hanno 10, 15, 30 e più ore di contenuti video, che richiedono costanza e applicazione notevoli.

Che succederebbe allora se potessimo ridurre i corsi online a una sequenza di GIF animate di soli 5 secondi? Micro-passi che portano a risultati reali in pochi minuti. Non certo per sostituire i classici corsi basati su video lezioni, ma per colmare il divario in termini di apprendimento online. E magari ispirare più studenti e motivare ancora più facilmente la ricerca della conoscenza.


E' quello che si propone di fare Madrassa, una startup olandese che ha aperto da poco l'accesso in beta alla propria piattaforma. Sul sito web c'è un breve corso di appena 1 minuto e mezzo con il quale è possibile imparare passo dopo passo come creare rapidamente un prototipo delle vostre idee per app senza conoscere una riga di codice. Avrete solo bisogno di un dispositivo iOS o Android, carta e matita. Avete capito bene, userete carta e matita per disegnare il mockup dell'applicazione e grazie a POP 2.0 -un'app iOS e Android pensata per fare prototyping- realizzerete un prototipo pienamente funzionante.

Non ci credete? Provate voi stessi, cliccate sulla immagine qui sotto...


Sebbene non possa sostituire integralmente -né pretende di farlo- un classico MOOC, l'idea alla base di Madrassa è davvero innovativa: suddividere processi anche complessi con micro-step rappresentati da GIF animate rende l'apprendimento molto più intuitivo. In qualità di insegnante lo trovo particolarmente adatto per la scuola -soprattutto per materie scientifiche e tecnologiche- come strumento per trasmettere concetti agli studenti, ma utile anche a loro stessi come strumento di supporto allo studio e alla rappresentazione delle idee.

Che dire poi della fantastica app POP 2.0? Di grande utilità in tutti gli ambiti nei quali è necessario fare brainstorming e creare in maniera istantanea mockup e prototipi ma anche mappe mentali dinamiche. L'unico neo è che il profilo free consente la creazione di solo due progetti gestiti da un unico utente, ma per gran parte delle necessità potrebbe anche essere sufficiente.